1. Homepage
  2. Blog
  3. Appuntamenti
  4. L’Abruzzo dolce, breve guida

11 maggio 2016

L’Abruzzo dolce, breve guida

Carmelita Cianci Post by Carmelita Cianci

Celli pieni
Nell’arte dolciaria abruzzese grande importanza è data alle mandorle, al mosto cotto, al miele e al cioccolato. Ingrediente irrinunciabile per diverse ricette è la confettura d’uva, nota anche come “scrucchiata”, essenziale per la farcitura dei celli pieni (tarallucci di sfoglia croccante) e per la sfogliatella di Lama dei Peligni.
Le mandorle trovano ampio spazio nella pasticceria secca per la preparazione di deliziosi dolcetti come gli spumini, mentre dal felice connubio con il cioccolato, prendono forma i mostaccioli.

spumini
Cioccolato e mandorla sono protagonisti indiscussi anche del blasonato bocconotto di Castel Frentano, relazione alla quale non può sottrarsi neppure il panciuto parrozzo pescarese. A Ortona il mosto cotto si insinua nella lista ingredienti delle pizzelle o ferratelle, e nascono le neole. Il miele si fa vivo con la cicerchiata, ma solo a Carnevale, mentre a Guardiagrele le sinuose vette della Maiella diventano tre monti (o sise delle monache): morbido pan di spagna farcito di crema pasticcera; ingredienti che dicono la loro, con un tocco di alchermes e consistente crema al cioccolato, anche nella tradizionale pizza dolce abruzzese, immancabile a fine pasto nelle giornate di festa, a discapito di un qualsiasi montblanc dall’equilibrio fin troppo delicato!

box-i-dolci-riti-ok-1Proprio i dolci della festa saranno i protagonisti dell’ottava lezione “I dolci riti” del piccolo master di cucina popolare abruzzese: una full immersion nell’arte dolciaria “made in Abruzzo”, in compagnia di Pina e Berardino Abbonizio dell’Agriturismo Caniloro, con la realizzazione di alcuni must come i celli pieni, i mostaccioli e gli spumini.
L’appuntamento è per martedì 17 maggio, a partire dalle ore 18.00, presso il Museo del Gusto (Museo delle Genti d’Abruzzo) a Pescara.

Puoi iscriverti al corso – showcooking I DOLCI RITI > QUI